Un Brand per superare la crisi.

Chi ci segue da tempo sa che spesso parliamo di Brand. Insistiamo molto sull’importanza del brand perché è elemento fondamentale e centrale nella strategia di un’impresa, perché fa la differenza sul mercato, perchè permette di superare periodi difficili e crisi come quella che stiamo vivendo.

Specifichiamo bene il termine Brand. Nella maggior parte delle imprese esistono per lo più marchi, non brand. Quale la differenza? Un marchio non è altro che un logotipo che contrassegna la propria azienda. Avere il disegno su un biglietto da visita, su un’insegna, su una brochure o sul sito web non è sufficiente per parlare di brand. Il brand (termine in inglese) è letteralmente la marca. Marca vuol dire un insieme di valori, carattere, personalità, attributi che le vengono riconosciuti dal mercato.
Un logo si può trasformare in una marca attraverso il posizionamento. Attività strategica fondamentale che nessuna azienda, nessuna realtà, nessuno, neanche i liberi professionisti o le ditte individuali, possono permettersi il lusso di trascurare. Una volta il posizionamento veniva da sé, attraverso il lavoro quotidiano e il passaparola. Avveniva un posizionamento della propria attività, del suo marchio o del suo nome, spontaneo e determinato dal passaparola. Oggi non avviene più o comunque è più complicato. Cambiamenti di mercato, di comportamenti del consumatore, di nuove modalità di acquisto, di fruizione diversa, di propagazione e influenza diversa, impongono un rigido e attento controllo del posizionamento. Lasciar fare al mercato è pericoloso per la propria reputazione (un altro elemento che entra nel concetto di brand), lasciar fare al passaparola (che vale sempre sia chiaro) è lungo. In entrambi i casi non è controllabile.
Marca vuol dire un insieme di valori, carattere, personalità, attributi che le vengono riconosciuti dal mercato.

Tenendo presente il posizionamento,
(ovverossia come essere riconosciuti, ricordati e percepiti dai miei potenziali clienti)
e operando in un’ottica di medio-lungo periodo,
(perché il posizionamento non avviene dall’oggi al domani)
attraverso la comunicazione, i supporti, le pubbliche relazioni, le attività di marketing sul campo, pian piano il brand prenderà forma nella mente dei consumatori.

Si, proprio nelle loro menti, perché se il logo/marchio, così come il prodotto/servizio che offrite, appartiene a voi, il brand appartiene alle menti dei potenziali clienti. Esso appartiene al mondo delle idee, ed è un’idea che voi dovete costruire e piazzare nella mente della gente. Per avere un’idea di cosa vuol dire brand leggi anche Marketing. Trend 2019. Brand activism. Se fatto bene il brand non avrà mai problemi, se non quelli legati a fattori temporanei e transitori di mercato, che peraltro si superano più agevolmente se di base vi è un brand forte e sano.

By | 2020-04-04T14:11:24+00:00 aprile 4th, 2020|Marketing|0 Comments

Leave A Comment

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto